STUDI IN CORSO

Studi in CorsoPerfezionandi-Postdoctoral Researchers 

Per il 2016 la SAIA ha bandito un concorso per l'assegnazione di due borse di studio per il corso di perfezionamento.

Le borse SAIA sono state assegnate alla dott.ssa Vasiliki Eleni DIMITRIOU e al dott. Lorenzo MANCINI.

PROGETTI DI RICERCA

Dott.ssa DIMITRIOU (Univ. di Roma "La Sapienza") "Il pendio sud dell'Acropoli di Atene durante il Neolitico Finale e la prima Età del Bronzo. Catalogazione e nuova interpretazione del materiale archeologico pubblicato e non proveniente dallo scavo e la ricognizione non sistematica di Doro Levi e la Reale Scuola Archeologica Italiana di Atene negli anni 1922-1923, alla luce dei nuovi dati rinvenuti nel campo della preistoria egea durante gli ultimi decenni".

Dott. Lorenzo MANCINI (Univ. di Bologna) "Edilizia templare presso gli ethne epiroti. Il caso dell'Epiro meridionale (Thesprotia e Kassopaia)".

Per il 2016 le due borse di studio bandite dall’Accademia dei Lincei e intitolate alla Prof.ssa Clelia Laviosa sono state assegnate al dott. Alessandro Cavagna e al dott. Ugo Fusco

Dott. Alessandro CAVAGNA, (Università di Milano)
"Tolomeo III e il Peloponneso: monete, contesti archeologici e produzione monetale"

Dott. Ugo FUSCO, (Università di Roma ‘La Sapienza’)
"Templi e strutture dotati di doppia stanza (oikoi) nei santuari greci dall’età orientalizzante (VII sec. a.C.) a quella imperiale (III sec. d.C.): tipologie, cronologie e
funzioni"

Dottorandi in convenzione presso la SAIA per il trimestre aprile-giugno 2016

Agata Licciardello

Università Ca’ Foscari di Venezia

Dottorato di Ricerca in Scienze dell’Antichità (XXXI ciclo)

La ceramica micenea della necropoli della Trapeza di Eghion. Edizione sistematica e studio comparativo della ceramica nei contesti funerari micenei, con particolare riferimento alle funzioni rituali e agli aspetti simbolici.

Il progetto di ricerca focalizza l’attenzione sul riconoscimento dell’uso concreto e della funzione simbolica dei prodotti ceramici rinvenuti in contesto funerario per ricostruire credenze escatologiche, sistemi rituali e pratiche cultuali pertinenti al mondo dei morti.

L’analisi diretta e sistematica della ceramica micenea della necropoli della Trapezà di Eghion, in Acaia e il confronto con i dati provenienti da altri siti funerari della Grecia permetteranno di comprendere il modus operandi delle comunità in occasione dei funerali. Il contesto della necropoli della Trapezà consente di prestare attenzione peculiare a usanze e riti di età postpalaziale, fase di sostanziali trasformazioni sociali con ripercussioni anche nel mondo funerario.

________________________________________________________________________________

Marianna Figuera

Università degli Studi di Catania

Dottorato di Ricerca in Studi sul Patrimonio Culturale (XXIX ciclo)

Un modello relazionale quale strumento per una migliore comprensione del Patrimonio Culturale.

Il caso studio degli small finds.

Il progetto di ricerca ha come oggetto di studio gli small finds provenienti dai due siti cretesi di Festòs e Haghia Triada, letti e interpretati tramite l’ausilio di un sistema informativo appositamente realizzato. Il database relazionale attraverso un’analisi dei dati complessiva e trasversale, permette di evidenziare relazioni fra i manufatti ed i contesti, supportando l’interpretazione funzionale. Lo strumento sarà sempre aggiornabile per l’inserimento dei dati in via di acquisizione, prestandosi, secondo i principi dell'interoperabilità, ad interagire con più utenti attraverso un’interfaccia online e, grazie alla possibilità di parametrizzazione ed alla flessibilità del modello concettuale, potrà essere applicato ad altri contesti archeologici.

________________________________________________________________________________

Elia Rinaldi

Università di Bologna

Dottorato di Ricerca in Storia Culture Civiltà (XXX ciclo)

Spazi ed edifici pubblici nelle città dell’Epiro in età tardo-classica ed ellenistica.

Il progetto di ricerca si propone di affrontare uno studio di sintesi sull’evoluzione degli spazi pubblici nelle città epirote, dalle origini fino alle prime fasi della romanizzazione, attraverso l’analisi incrociata di tutte le categorie di fonti disponibili (archeologiche, storico-topografiche, letterarie, epigrafiche, iconografiche, numismatiche), con un interesse puntuale per le agorai, gli spazi principali adibiti allo svolgimento delle attività pubbliche, e per tutti i singoli edifici con specifiche funzioni di gestione della vita politico-amministrativa ed economica.

________________________________________________________________________________

Stefano Tropea

Università degli Studi di Torino

Dottorato in Scienze Archeologiche, Storiche e Storico-Artistiche (XXX ciclo)

Roma e l’Oriente greco.

L’imperialismo romano tardo-repubblicano nella testimonianza epigrafica delle epistulae.

Il progetto di ricerca è finalizzato alla creazione di un corpus epigrafico di lettere ufficiali inviate da magistrati romani dotati di imperium alle comunità della Grecia e dell’Asia Minore in età tardo-repubblicana, dal 146 a.C. alla morte di Cesare. Si tratta di testimonianze in grado di dare un notevole contributo alla conoscenza delle modalità di intervento adottate dai Romani per esercitare il controllo delle strutture politiche, sociali ed economiche del mondo ellenistico nel momento decisivo in cui l’Urbe ottiene e consolida la sua autorità sull’Oriente greco. A partire da questo corpus si proporrà una rivalutazione delle forme assunte dall’imperialismo romano anche sulla base di documentazione recentemente venuta alla luce.